logo top bubbles horzontal nav
logo bottom
Home
Chi siamo
Pubblicazioni dell'IIB
Bioetica generale
Bioetica della salute
Bioetica ambientale
Bioetica animale
Bioetica sociale
Biogiuridica e biopolitica
Bioetica e MNC
Bioetica e scuole
Forum
Attivita Istituto Bioetica
Documenti
Link
nav bottom


 
dot

Berchicci Accesso ai sistemi sanitari

Copyright © Istituto Italiano di Bioetica
qualsiasi riproduzione non autorizzata è vietata

horizontal rule

Giorgio Berchicci

ACCESS TO HEALTH CARE SYSTEMS AND MEDICINE IN EUROPE

 

In France the accounts are out of order: eleven months after the approval and application of the new National Health System, for the instant year, the forecast unbalance is due in 11, 6 billions Euro and not, as many hoped, in 10, 6 billions.
The French Government decided to introduce this new reform with the precise aim to reduce the high expenses for the Health Care Services. Similar signals arrive from other European Countries, among which Italy ( And only tree weeks ago, the Finance and Economy Minister accused italian practioners to make illicit prescriptions of drugs ). The increasing expense reasons are different, but some of them are shared in every country: an older and older population that has to thank a spread wealth ness and medicine progress. The senior population of Italy and Sweden have reached a range between 12% and 19%, biotechnology grants better and better performances serving the big technique called Medicine and the more and more sophisticated diagnostic items, the defensive medicine that proceeds opening the market to new medications played a big role in increasing the age average. On the same paths drive the policy of diminish pathology index promoted by medical brand industries and supported by Scientific Societies (consider cholesterol max limit, blood pressure max limit and glycaemia that are always lower to increase ever more the potential market. Even the most natural event of our life, pregnancy, became a medical event...).
The E.U. is now living a big difficult moment, caused from the lack of acceptance of a Constitutional Treaty not signed by Founding Countries as France and Holland. In this important historical moment soon after the joining of the sole currency, that carried unbelievable benefit, together with some problems putting national government in need to renew old pats on some rules to stop the economical recession so they asked to rearrange the 3% percentage designed to have stability all over Europe. This problem was generate from high level of national debt not affordable for many countries, as Italy, or from structural relevant problems, or problems coming from competition with other developing countries such as China, which can count on low cost working force compared with European range.
The European dream, that hundred of millions citizens, male or female, dreamed for so long, has to end miserably?
Probably the monetary union was not the only answer to continue to live together in a world without boundary where everybody is a citizen with same rights and without sex, religion, racial and political discriminations.
It is useless to think that, among these rights, the right of health is the most appealing one as the right to work. So how can we list it? At the beginning, the health protection appeared as a freedom right to oppose to the government as habeas corpus, right to body integrity. Nowadays we could list this right among the senior citizens rights as well as human being right, right that can be realized with general cooperation related to everybody as well as to next generation. But this kind of right, at least in Italy, are called agreed rights, which are under the influence of agreements between national governments and Europe, according with International Law. Sometimes these rights are exceptionable as the peace rights and the environment rights; rarely they are exacted rights as the social economical development. The health right could be passed as a fourth generation one, where it’s into Constitution and says that the health right is both exceptionable and exacted, as it carries inside the government compelling activities as being jointly liable and the acknowledgment of the human being. Moreover it is a linked right to other rights, as the right to live in a healthy environment or the right to work or to increase personal wealth ness. Recently, some observers noted that the increasing of average life didn’t occur simply in the most developed countries but where within the wealth ness governments adopt correct social policy, where culture develops and the environment is protect, the law system is good as well as cooperation.
Wealthy countries not always have the best life system to improve the citizen life it is important that inside the system don’t occur unevenness between poor and rich.
We can assert that this right can be considered effective for each Countries of the United Europe, as each country has a National Health Service, but from another point of view the European Government showed sort of sensibility to defend the right of Health, only recently.
The Treaty that establishes the United Europe provide the right of Health only in indirect way, in article 136 says “ The Union and the member states … have as aim to promote working occupation and to improve life and work conditions» as well in article 30 pointing out on exception to the rule of free goods circulation, talks of defence of human health and life”.
In the Treaty that established the United Europe on atomic energy (CEEA or EURATOM), signed in Rome on March 25th, 1957, one of the chapter is completely dedicated to citizen and workers Health and Safety, but only with the European Sole Act, February 17th, 1986, it is possible to find some referring to healthy environment for consumers on high protection level based on scientific issue and developing.
Thanks to Maastricht Treaty the Health Protection becomes a priority in E.U. policy, as to the subject it is dedicated a specific document (document XIII) article 152, but in 1992 the Public Health does not rise to a real and concrete E.U. policy as it remains in an crosswise sphere and referred as: “ part of different E.U. Policies”. (Art. 129, par. 3).
Amsterdam Treaty changed, in a relevant way, article 152 of U.E Establishing Treaty: the new article 152, par.1, changes it clearly from a simple “part” of other policies to a undeniable assumption of all ones (« In both definitions and accomplishments of every E.U. policy or activity is warranted a high level of human health protection”). The article 152 foresees an Open Method of Co-ordination among the E.U. Members and Brussels Committee, but it also confers to the Member Government the sole competence to organise and perform the health services and medical welfare, in this way it is hard to realise an unique health right throughout the United European territories.
From 1996 on we can see a long list of programmatic activities in E.U. referred to Health Services, throughout some Decisions listed bellowed:
1- First Community Action Programme to promote Health (Decision 96/645/EC);
2-   Community Action Programme for rare diseases (Decision 1295/1999/EC);
3-   Community Action Programme to prevent diseases (Decision 372/99/EC);
4- Community Action Programme to prevent diseases relate with pollution (Decision 1296/99/EC);
5- Community Action Programme about Public Health in years 2003 – 2008 (Decisions 1786/2002/EC).
In December 2000 the E.U. Fundamental Right Charter clearly declared, within article 35, the right to health “each citizen has the right of access to preventive medicine and to obtain medical treatments on the basis of established rights of his own home country. In each definition and accomplishment of E.U. policy or activity is warranted a high human health protection level”.
Moreover the latest Community Jurisprudence has definitively asserted: “general principle: the tutelage of public health must have an unquestionable and prevalence significance referring to economical consideration” (TPG, nov., 26 2002, T-14/00, Artegodan and others versus E.C. Commission.
On April 4th 1997, E.U. issued “Convention for the protection on Human Rights and dignity of human being with regard to the application of biology and medicine: Convention on Human Rights and Biomedicine”, better known as “Convention of Oviedo”. I want to underline some peculiarities: above all it has been promoted by all member Countries within the European Council, then the formulation methods (took part the Member Countries of European Council, but also United States, Canada, Vatican and others), the approbation was signed by 19 States, among which Italy but the latest never bailed it to the European Council.
The most important point in “Convention of Oviedo” seems to be article 2 “Primacy of the human being – The interests and welfare of the human being shall prevail over the sole interest of society or science”. Meanwhile the article 3 relates about our main interest “ Equitable access to health care. Parties, taking into account health needs and available resources, shall take fair measures with a view to providing, within their jurisdiction, equitable access to health care of fair quality ”. As you can see we are not longer speaking about a high level of welfare protection but about a suitable quality and suitable measures. In this passage they impress the E.U estranged to give medical care to its citizens leaving all welfare services to the member States (herewith called parties) that signed the agreement, they underline the economical aspect importance referring to medical care and referring to available resources, they also introduce the idea of fairness related to medical care admittance. But there are some papers that explain in very large manner what means the the word “ fair ”, as the paper “ Orientamenti bioetici per l’equità nella salute” wrote by italian National Bioethic Committee.
But Constitutional Treaty, actually rejected from France and Holland, the Public Health Service is consigned among “sectors in which EC may decide to have a supporting, co-ordinating or complementary role”.
In the end I would refer, for a clear definition of the word “Health”, to article 25 of Universal Declaration of Human Rights: “Each person has the right to have a fair income to ensure his family and himself welfare and wealth, food, cloths, house, health service and needed social welfare”. Reading this passage it is clear that the subjects, we have interest in, are inside two different dimension: one is in the general idea of Health care the other in the more precise Medical assistance. The health is considered as a needed resource in everyday life, considered as a social and personal resource moreover than physical ability. Promote the Health care is not a precise responsibility of medical sector, but must be considered in a wider way embracing culture, food, work, house, justice, and social fairness policies.
It is within the sign of Rome Treaty that the free circulation of men and goods starts among the European Union in 1957, nowadays there are 25 countries in the Union.
From then, were founded a lot of medical associations with the precise aim to seize this great opportunity to level the vocational training of medicine graduate.
My Association, European Union of Medicine Specialits, U.E.M.S., is the first established of european medical associations ( 1958 ), and is the representative organisation for specialists doctors from the national Associations of EU. Its activities cover all issues associated with specialised medical practice, an are jointly carried out by doctors serving as representatives on its Management Council and on its more than thirty Specialists Sections and Boards.
The initial objectives of the UEMS were:
1- the study and promotion of the highest level of training of medical specialists, medical practice and health care within the EU
2- the study and promotion of free movement of specialist doctors within the EU
the representation within this framework of the medical specialist profession in the Member States of the EU, to EU authorities and any other authority and or organisation.
These were subsequently updated:
1- To promote the highest level of patient care in the EU
2- To emphasise the title of the “ medical specialist “ as the doctor who practices the highest quality of medical care in his field of expertise
3- To uphold his professional and ethical status
4- To promote the harmonisation of high quality training programmes within the various specialists throughout the EU
5- To endorse, encourage and facilitate continuing medical education ( CME ) and professional development ( CPD )
The UEMS recognises and value differences in the structure, funding and priorities of healthcare systems in Europe, but believes that the principles required for the regulation of medical practice – which are based on common standards and ethics – are applicable in all the countries.
Regulation can be defined as the means of controlling the quality of a professional service. In the case of healthcare its primary purpose is focused on the protection of patients, who rely on regulatory systems to ensure that the doctorsthey consult will practise in accordance with the high standards expected of a medical- qualified practiitoner.
Actually in Europe we have two systems of funding and remuneration of National Health Systems:
Bismarkian social protection systems, that is in Germany, France and southern Europe, are financed by payroll deductions with a mix of public (salaried) and private (fee for item of service) providers. This may lead to uneven distribution of risk protection. In addition there can be institutional fragmentation leading to inequalities between professional groups and in the provision of healthcare for different localities as a result of weak state influence in social protection.
It should be noted that in several East European Countries the critical economic situation has had a severe effect on the health care system with high level of stress, poor working conditions and saaries not infrequently below the minimum wage level sometimes not be paid at all resulting in significant arrears.
Beveridge type health systems, as in great Bretain, Sweden, Spain, Denmark and Italy, are funded trough taxation with mainly public providers and staff employed directly by the State. These in general have a lower expenditure and have more effective control on overall expenditure abd have more amenable to reform. There is however in most cases private sector provision – fee for item of service – running parallel with the State system although this is relatively limited.
An important function on high level of care is played by Clinical Guidelines, that are expression of Evidence Based Medicine and are generally compiled by Scientific Societies. The doctor following discussion of the options with the patient in the light of the diagnostic choices available must make the ultimate judgement regarding a particular clinical proceure or treatment plan. The next aggreement of UEMS is the collaboration with G.I.N. Guideline International Network, that is one of the most important indipendent european association for elaboration of medicine guidelines.
We mean that the application of medicine guidelines is an ethical manner to make medicine, because our first aim is the protection of patients and the sole guarantee for him is to have health care with Evidence Based Medicine.
But one of the most important problems is the free movement of patients and doctors: we need of a regulation, of a harmonisation, because in this EU we have 25 Health National Systems, and in some countries, as Italy, is possible to have 20 regional Health systems, one for every region... This is a brake to access to health system by patients, and also EU don’t sufficiently take into consideration the specific nature of health services.
A first step can be the card that is in distribution to all european citizens ( and also this can be a good emotion : to be european citizens ), from each member State, the European Health insurance card, that give to everyone citizen to possibility to have gratis all the cure that he need into the Union Countries. This card permit the direct access, without long waiting, into an Hospital or in a doctor’s study of an other european countrie, but not for ever: this card permit only the cure that a citizen need during a short travel or a short holiday. Could be this the beginning of an European Health care system that put everyone on the same floor and guarantee at all the people the access to medicine and to cure of the highest level? I think that this is our hope.
 

horizontal rule

Accesso ai Sistemi Sanitari Nazionali nell’Unione Europea

Giorgio Berchicci

In Francia i conti non tornano : dopo soli undici mesi dall’approvazione e l’applicazione del nuovo Sistema Sanitario Nazionale il deficit previsto per il 2005 è di 11,6 miliardi di euro invece dei 10,6 che tutti auspicavano. Eppure, il governo francese aveva deciso di introdurre questa riforma con lo scopo preciso di ridurre i costi astronomici dell’assistenza sanitaria. Ma segnali ugualmente preoccupanti giungono da altri Paesi Europei, Italia in testa. Le ragioni sono diverse, anche se alcune sono ragioni comuni : una popolazione che tende ad invecchiare sempre più, grazie al benessere generalizzato ed ai progressi della medicina, e che raggiunge, almeno in Italia ed in Svezia, punte che vanno dal 12% al 19% della popolazione totale; biotecnologie che garantiscono prestazioni sempre migliori al servizio di quella grande tecnica che è la Medicina; richieste di esami sempre più sofisticati da parte dei cittadini, ma anche offerta di esami sempre più accurati in omaggio ad una medicina difensivistica che avanza sempre più; allargamento sempre maggiore del “mercato“ dei farmaci grazie alla politica di abbassamento degli indici di patologia promosso dalle case farmaceutiche ed incoraggiato dalle Società Scientifiche ( vedi limiti massimi di colesterolo, livelli massimi di pressione sanguigna, di glicemia).
L’ Unione Europea vive momenti di grande difficoltà, anche in seguito alla mancata adozione del Trattato Costituzionale da parte di Paesi fondatori come Francia ed Olanda, proprio nel periodo forse più importante della sua Storia : dopo aver realizzato una unione monetaria che fa discutere molto per i suoi innegabili vantaggi, oltre che per alcune difficoltà, interne ad alcuni Stati, che attribuiscono ad essa le problematiche che non riescono a risolvere, si vede costretta a rinegoziare il patto di stabilità del 3% per le difficoltà indotte dalla recessione economica, che grava su alcuni Stati in maniera maggiore del prevedibile, o perché questi Stati non hanno saputo far fronte a debiti pubblici elevatissimi – come l’Italia – o perché non hanno saputo risolvere problemi strutturali ugualmente rilevanti, e soffrono della concorrenza forte che arriva da Paesi come la Cina con un costo del lavoro decisamente irrilevante nei confronti dell’Europa.
Sta dunque per svanire il sogno di centinaia di milioni di cittadini, di donne e uomini che hanno a lungo lottato per la sua realizzazione? O forse l’unione monetaria non è una risposta sufficiente, da sola, per poter continuare a vivere in un mondo senza confini nel quale ciascuno di noi possa godere degli stessi diritti, senza limitazioni riguardanti il suo status o le sue condizioni relative a sesso, razza, religione e convinzioni politiche?
E’ inutile nasconderci il fatto che, tra questi diritti, il diritto alla tutela della salute è quello più desiderato da tutti, insieme con il diritto al lavoro : e come può essere classificato questo diritto? All’inizio, la tutela della salute si è presentata sotto le sembianze dei diritti di libertà opponibili allo Stato, come habeas corpus, diritto all’integrità fisica. Oggi potremmo essere tentati di inserire il diritto alla tutela della salute tra i diritti di terza generazione, diritti non semplicemente dei cittadini ma universali, realizzabili attraverso la cooperazione di tutti e che riguardano tutti, comprese le generazioni future. Solo che questo genere di diritti sono chiamati, almeno in Italia, diritti pattizi , cioè diritti che vanno patteggiati, che risentono quindi del patteggiamento che avviene nello Stato e nell’Unione Europea sulla base del diritto internazionale : a volte sono diritti opponibili, come il diritto alla pace, o ad un ambiente salubre; pochissime altre volte sono esigibili, come nel caso dello sviluppo socio-economico. Il diritto alla tutela della salute può essere inquadrato tra i diritti di quarta generazione : là dove è previsto nella Costituzione, il diritto alla tutela della salute è un diritto fondamentale opponibile ed esigibile, in quanto integra in se sia gli obblighi da parte dello Stato di solidarietà sociale che di riconoscimento dell’individuo. In più, è un diritto che estende la sua influenza anche sugli altri diritti, come il diritto ad un ambiente sano ed il diritto al lavoro ed alla promozione economico-sociale. E’ stato recentemente osservato che l’allungamento della vita non si ha nei Paesi semplicemente più ricchi degli altri, ma in quelli dove, oltre ad un certo benessere, si realizzano scelte politiche e sociali adeguate, si sviluppa l’istruzione, si cerca di mantenere un ottimo ambiente, si innalzano i livelli di giustizia e di solidarietà. Anche fra i Paesi industrializzati, non sempre sono le società più ricche a godere dei migliori livelli di salute, ma quelle al cui interno sono minori le disuguaglianze fra ricchi e poveri.
 Ma se questo principio può essere considerato valido per i singoli Stati che compongono l’Unione Europea, che infatti dispongono di un Servizio Sanitario Nazionale per l’assistenza medica, al contrario non si può dire la stessa cosa dell’ Unione, che solo recentemente ha dimostrato di sentire una sensibilità nei confronti della tutela del diritto alla salute.
Il Trattato che istituisce la Comunità Europea contempla la tutela della salute solo in termini indiretti. Infatti, l’art.136 prevede che “ La comunità e gli Stati membri(…) hanno come obiettivi la promozione dell’occupazione e il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro “ mentre l’art.30 individuando le eccezioni al principio della libera concorrenza delle merci, inserisce tra queste “ la tutela della salute e della vita delle persone”.
Anche nel trattato che istituisce la Comunità Europea dell’energia atomica ( CEEA o EURATOM ), firmato a Roma il 25 marzo 1957, un capitolo intero è dedicato alla Sanità ed alla sicurezza della popolazione e dei lavoratori, mentre solo con l’Atto Unico europeo del 17 febbraio 1986 si parla di protezione dell’ambiente e dei consumatori con un livello di protezione elevato tenuto conto di eventuali sviluppi fondati su riscontri scientifici.
Con il Trattato di Maastricht la tutela della salute diventa una delle prorità della politica comune europea, poiché viene dedicato alla politica della sanità pubblica un apposito titolo ( Titolo XIII ), Art. 152. Nel 1992, tuttavia, la sanità pubblica non assurge ancora a vera e propria politica comunitaria essendo ancora un ambito di natura meramente trasversale e definito, in tal senso, “componente delle altre politiche della Comunità” (Art.129, par,3).
Il Trattato di Amsterdam ha modificato, in modo rilevante, l’art.152 del Trattato che istituisce la Comunità Europea : infatti, il nuovo art.152, par.1, converte esplicitamente da semplice “componente” delle altre politiche a presupposto necessario ed ineludibile di queste ultime (“ Nella definizione e nell’attuazione di tutte le politiche ed attività della Comunità è garantito un livello elevato di protezione della salute umana”). Prevede inoltre l’art.152 che ci sia un Open Method of Coordination tra gli Stati membri e la Commissione di Bruxelles, ma attribuisce anche agli Stati membri la esclusiva competenza in materia di organizzazione e prestazione di servizi sanitari ed assistenza medica, impedendo di fatto la realizzazione uniforme del diritto alla tutela della salute in tutto lo spazio comune europeo.
Dal 1996 in poi assistiamo a tutta una serie di attività programmatiche dell’Unione Europea in materia di sanità pubblica, per il tramite di alcune Decisioni che qui elenco:
1-Primo programma d’azione comunitario per la promozione della salute ( Decisione 96/645/CE)
2-Programma d’azione comunitaria per le malattie rare (Decisione 1295/1999/CE)
3-Programma d’azione comunitario per la prevenzione delle malattie (Decisione 372/99/CE)
4-Programma d’azione comunitario per le malattie connesse all’inquinamento(Decisione 1296/99/CE)
5-Programma d’azione comunitario in materia di sanità pubblica per gli anni 2003-2008 ( Decisione 1786/2002/CE)
Ma nel Dicembre del 2000 la Carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea ha espressamente riconosciuto, all’art.35, il diritto alla salute :“ Ogni individuo ha il diritto di accedere alla prevenzione sanitaria e di ottenere cure mediche alle condizioni stabilite dalle legislazioni e prassi nazionali. Nella definizione e nell’attuazione di tutte le politiche ed attività dell’Unione è garantito un elevato livello di protezione della salute umana”.
E non è tutto: la recente giurisprudenza comunitaria ha definitivamente affermato il “principio generale secondo il quale la tutela della sanità pubblica deve assumere un’importanza incontestabilmente preponderante rispetto a considerazioni di ordine economico” ( TPG, 26 Novembre 2002, T-74/00, Artegodan e altri contro Commissione CE, in Racc.2002 p.II 4945 e ss). Poi, il 4 Aprile 1997, viene emanata la “Convenzione per la protezione dei Diritti dell’Uomo e della dignità dell’essere umano nei confronti dell’applicazione della biologia e della medicina : Convenzione sui Diritti dell’Uomo e la biomedicina”, meglio conosciuta come “ Convenzione di Oviedo”. Tra le particolarità da segnalare, innanzitutto il fatto che sia stata promossa da tutti gli Stati membri del Consiglio d’Europa, quelle relative alle modalità di elaborazione( hanno partecipato gli Stati membri del Consiglio d’Europa, ma anche Stati Uniti, Canada, Vaticano, ed altri), la ratifica avvenuta da parte di 19 Stati, il fatto che l’Italia ha ratificato la Convenzione ma non l’ha depositata presso il Consiglio d’Europa.
Il nucleo centrale della Convenzione di Oviedo sembra essere l’art.2 “ Primato dell’essere umano – L’interesse e il bene dell’essere umano debbono prevalere sul solo interesse della società o della scienza”, mentre il successivo articolo 3 parla proprio di ciò che a noi interessa dibattere “ Accesso equo alle cure sanitarie – Le Parti prendono, tenuto conto dei bisogni della salute e delle risorse disponibili, le misure appropriate in vista di assicurare, ciascuna nella propria sfera di giurisdizione, un accesso equo a cure della salute di qualità appropriata”. Come potete osservare, non si parla più di “elevato livello di protezione della salute umana” ma di qualità appropriata e di misure appropriate, si ribadisce la estraneità della Unione Europea a fornire accessi alle cure rimandando tutto agli Stati firmatari ( qui chiamati parti ), si sottolinea l’importanza degli aspetti economici del costo della salute facendo riferimento alle risorse disponibili, viene introdotto il concetto di equità in relazione all’accesso alle cure.
Ma con il Trattato Costituzionale, che recentemente è stato rigettato da Francia ed Olanda, la sanità pubblica viene relegata tra i “ Settori nei quali l’Unione può decidere di svolgere un’azione di sostegno, di coordinamento o di complemento”.
Vorrei infine citare, per una chiara definizione del termine “salute”, l’articolo 25 della Dichiarazione Universale dei diritti dell’Uomo : “ Ogni persona ha diritto ad un livello adeguato che assicuri a lui ed alla sua famiglia la salute ed il benessere, l’alimentazione, il vestiario, la casa, l’assistenza medica ed i servizi sociali necessari”. Dalla lettura di questo articolo si evince l’ambito delle questioni che ci riguardano, che sono comprese in due dimensioni: quella del concetto generale di salute e quella più specifica di assistenza medica. La salute viene vista quindi come una risorsa necessaria di vita quotidiana, in un’ottica che guarda alle risorse sociali e personali oltre che sulle capacità fisiche. La promozione della salute non è perciò responsabilità esclusiva del settore sanitario, ma va considerata in un ambiente più allargato che comprende l’istruzione, il cibo, il lavoro, la casa, la giustizia e l’equità sociale.
E’ con la stipula del Trattato di Roma del 1957 che ha inizio la libera circolazione dei cittadini nell’Unione Europea, alla quale oggi aderiscono 25 Nazioni.
Da quel momento, sono sorte una serie abbastanza ampia di associazioni mediche, con il preciso obbiettivo di cogliere questa grande opportunità che veniva offerta, ed uniformare i percorsi formativi dei laureati in medicina. L’associazione della quale faccio parte, la Unione Europea dei Medici Specialisti U.E.M.S., è ad esempio la prima di queste associazioni ad essere stata fondata ( 1958 ), con lo scopo di favorire lo studio e la promozione dei più alti livelli di insegnamento della medicina specialistica, della pratica medica e del prendersi cura della salute dei cittadini all’interno dell’Unione Europea ; lo studio e la promozione del libero movimento degli specialisti medici all’interno dell’ EU; la rappresentanza all’interno di questa cornice della professione medica specialistica negli Stati membri dell’EU, e con le autorità EU.
Successivamente, furono aggiunti a questi, altri obbiettivi: promuovere il più alto livello di cura per il paziente all’interno dell’EU; sottolineare l’importanza del titolo di specialista come del medico che pratica il più alto livello di qualità nella cura del paziente nel suo rispettivo campo di esperienza; promuovere il suo statuto etico e professionale; promuovere l’armonizzazione di una alta qualità di programmi di formazione specialistica all’interno dell’EU; infine, di incoraggiare e facilitare l’Educazione Medica Continua (C. M.E.) e lo sviluppo professionale continuo (CPD).
In seguito sono state fondate altre Associazioni mediche, come la U.E.M.O., che rappresenta la Medicina Generale, la A.E.M.H., che rappresenta i medici ospedalieri, ed altre ancora. Infine, va segnalata la presenza di Associazioni che raccolgono gli Ordini dei Medici, che sono a difesa dei cittadini e non della categoria.
In questo quadro abbastanza variegato di rappresentanza medica all’interno della collettività europea, si inseriscono ovviamente i Sistemi Sanitari Nazionali che, ormai, sono presenti in tutti i Paesi europei pur con due modelli di applicazione sostanzialmente differenti:
- Il sistema di protezione sociale di tipo Bismarkiano, presente in Germania, Francia e nel Sud Europa, finanziato con deduzioni da libro-paga con un mix di tasse pubbliche provenienti dai salariati, e private. Essi prevedono una serie di benefici proporzionale a quanto dichiarato. Questo per far capo ad una ineguale distribuzione del rischio di protezione. Può essere annotato che la difficile situazione economica in diversi Stati dell’Est europeo ha avuto un effetto severo sul sistema di servizio sanitario nazionale con alti livelli di stress, condizioni di lavoro misere e salari non infrequentemente al di sotto dei minimi che sono stati sommati fino al raggiungimento di un numero notevole di arretrati.
- Il sistema di servizio sanitario nazionale di tipo Beveridge, come in uso in Gran Bretagna, Italia, Spagna, Svezia e Danimarca, che è invece basato sulla tassazione imposta direttamente dallo Stato con una maggioranza schiacciante di fornitori pubblici di servizio, ed uno staff impiegato direttamente dallo Stato. Questo sistema ha in genere un minore livello di costi ed ha un maggiore controllo effettivo su tutte le spese, oltre ad avere anche una maggiore suscettibilità ad essere riformato. Vi è comunque in una certa frequenza di casi anche una attività privata che scorre parallela alle attività mediche fornite direttamente dallo Stato.
C’è però anche da osservare che ormai esistono 25 sistemi sanitari differenti, uno per ogni paese dell’UE, e che questo rappresenta un serio pericolo per la libera circolazione dei medici e dei pazienti. Di qui, la necessità di uniformare i sistemi sanitari ed abbattere i limiti di accesso che essi stessi rappresentano per i cittadini.
Un primo passo può essere rappresentato da una carta che è in distribuzione a tutti i cittadini europei, da parte di ognuno degli Stati membri, la European Health insurance card, una tessera sanitaria che permette a ogni cittadino europeo di poter ricevere gratis le cure di cui necessita nei paesi dell’Unione. Questa carta permette l’accesso diretto, senza moduli e lunghe attese, in un ospedale o in uno studio medico di un altro Paese europeo, ma non in maniera indefinita nel tempo: concede solo le cure necessarie durante un viaggio breve o una breve vacanza. L’assistenza, cioè, d’urgenza che si renderà necessaria, ma non eventuali visite specialistiche che non si possono ottenere nel proprio Paese d’origine o che sono impedite da liste di attesa troppo lunghe. Potrebbe essere questo l’inizio di un Sistema Sanitario Europeo, che ponga tutti sullo stesso piano e garantisca a tutti l’accesso a farmaci e cure del più elevato livello? Penso che questa sia la speranza di ognuno di noi.

 

Contatti: postmaster@istitutobioetica.org

 

 

Istituto Italiano di Bioetica

bottom corner Copyright © 2002 Istituto Italiano di Bioetica - Campania