Dipendenza dal gioco d’azzardo: 5 consigli per contrastarla

Giocare deve essere un divertimento, anche quando lo si fa con soldi veri. Il gioco d'azzardo può diventare un problema proprio quando anziché divertirsi e tentare la fortuna, si trasforma il gioco in una potenziale fonte di guadagno per risolvere dei problemi economici, oppure per vincere tanto a tutti i costi.

E' statisticamente provato, invece, che anche una singola giocata può fruttare tanto, perciò quando si parla di grandi numeri, giocare poco può fruttare allo stesso modo. Per questo è importante giocare il giusto: il giusto tempo e la giusta quantità di denaro. Quanto? Lo si decide in base alle proprie possibilità economiche. L'importante è che non pesi minimamente su tutto il resto delle spese e degli investimenti che si devono fare o pianificare nella propria vita.

Qui di seguito offriamo alcuni consigli per contrastare la dipendenza dal gioco d'azzardo. Consigliamo a chiunque abbia questo problema, di farne tesoro.

Gioca il giusto. Se non ci riesci, smetti

E' importante riuscire a giocare con equilibrio. Scommettere quel poco che basta per divertirsi e tentare la fortuna. Solo così il gioco può essere davvero un piacere e regalare ogni tanto una sorpresa.

Infatti, se si fa così, anche quando si vince poco, quel poco lo si può apprezzare. E' qualcosa in più.

Le scommesse possono aggiungere un po' di peperoncino alle competizioni sportive, ad esempio, ma sai bene che se in un piatto di pasta aggiungi troppo peperoncino, poi perdi il sapore della pasta e del condimento base.

Ecco, il gioco è la stessa cosa. Scommettere troppo può guastare tutto. Scommettere il poco, quando si può e si ha voglia, può essere divertente. Se non riesci a “dosare il peperoncino”, ovvero a giocare il giusto, allora dovresti considerare l'ipotesi di avere un problema e di dover smettere, almeno per un po', e magari chiedere il parere di un esperto.

Pensi di avere un problema? Contatta gratuitamente un aiuto

Se pensi di avere un problema con il gioco d'azzardo, sappi che oggi puoi contattare gratuitamente degli specialisti in ludopatia pronti ad aiutarti. Non vergognarti, anzi vanne fiero perché pensare alla propria salute è importante.

Giocare troppo può far danni e non solo al portafoglio. Perciò, se pensi di avere un problema, è la prima avvisaglia importante che un problema ci sia davvero. Fai una chiamata a un numero verde per la ludopatia, come fossero dei vecchi amici. Vedrai, ti sentirai subito compreso.

Giochi tanto ma non pensi di avere un problema? Accertalo

Se giochi tanto ma pensi comunque di stare bene, potresti comunque aver bisogno di un consulto per capire se tutto il denaro che giochi o il tempo che usi per giocare potrebbe essere un problema. Chiama il numero verde per la dipendenza dal gioco d'azzardo e accertalo. Riesci a farlo? Potrebbe aprirti gli occhi.

Limita il tuo tempo: fuori c'è un mondo che ti aspetta

A prescindere dal fatto di essere dipendenti o no dal gioco d'azzardo, sarebbe bene limitare il proprio tempo di gioco. Questo vale soprattutto per le macchinette o i casinò, ma vale anche per chi è solito passare molto tempo cercando eventi sportivi sui quali scommettere.

Per ogni giorno, decidi un limite massimo di tempo per giocare, in base ai tuoi impegni. Ad ogni modo, cerca di non starci più di un'ora al giorno. Se possibile, anche meno.

Fissa un tetto massimo di gioco a settimana o al mese

Passiamo al portafoglio. Certo, ogni portafoglio è diverso perciò c'è chi potrebbe scommettere anche 100 euro su una sola scheda senza che gli faccia effetto, mentre c'è chi potrebbe scommettere solo pochi euro a scheda.  Inoltre, c'è da considerare il numero di scommesse.

Come si risolve la situazione? Con un limite settimanale di gioco. Un budget. Il budget va deciso in base alle proprie entrate e alle proprie spese. Non dovrebbe superare il 5% (massimo) di ciò che si può effettivamente spendere e lo si deve considerare da perdere, come se si trattasse di un bene di consumo. Se non rientra, non deve essere un problema.